domenica 07.07.24

π – IL TEOREMA DEL DELIRIO (π -1998) di Darren Aronofsky con Sean Gullette, Marck Margolis, Ben Shenkman, Aja Naifu, Clint Mansell. USA, BN, 85’.

Max Cohen a sei anni guarda fisso il sole e diventa parzialmente cieco, a 16 anni la sua prima pubblicazione scientifica e a 20 la laurea in matematica alla Columbia University. Lui è certo che la matematica sia ovunque, così enuncia le sue teorie: «La natura parla attraverso i numeri; tutto ciò che circonda si può rappresentare attraverso i numeri; tracciando il grafico di qualunque sistema numerico si può ricavare uno schema, quindi in natura esistono degli schemi». Pensa che la Borsa sia un organismo vivente e che esista uno schema numerico per prevedere le quotazioni, cosa studiata dal suo professore che si è fermato quando era vicino al pi-greco (π). Un ebreo ortodosso gli spiega come ogni lettera dell’alfabeto corrisponda a un numero, ma il suo computer dopo aver stampato una sequenza di 216 cifre si rompe. Sol Robeson, il suo vecchio docente universitario lo invita a desistere. La sua traslitterazione per il Rabbino altro non è che il nome di Dio, andato distrutto in seguito all’abbattimento del Tempio di Gerusalemme da parte degli invasori romani. Tutto ciò lo porta sulla via del delirio e dell’autolesionismo. Di fronte alla richiesta di dividere 748 con 238 (frazione uguale a π solo per due decimali, il 3,14) perché non esistono due numeri interi che divisi tra loro diano P, la sua razionalità si è irrimediabilmente perduta.

Ex professore: «Ricordi Archimede di Siracusa? Un giorno il re andò da lui e gli chiese di stabilire se il dono che aveva ricevuto fosse o meno d’oro. A quel tempo non sapevano stabilirlo. Il grande matematico greco si torturò il cervello per settimane. L’insonnia lo tormentava, passava la notte a rigirarsi nel letto senza trovare risposta. La moglie esausta lo convince a fare un bagno per rilassarsi. E mentre sta entrando nella vasca Archimede si rende conto che il livello dell’acqua aumenta. Spostamento. Aveva trovato il modo per determinare il volume e di conseguenza la densità. Peso su volume. Si mette a gridare Eureka, talmente eccitato che corre nudo per le strade della città fino al palazzo del re per comunicargli la scoperta. E allora qual è la morale di questa storia?» Max: «Che non devo scoraggiarmi?»; «Sbagliato. Il punto focale della storia è la moglie. È lei che gli fa vedere le cose in una prospettiva diversa, quindi devi andare a farti un bagno: metti in folle il cervello o non arrivi da nessuna parte. In te non regna l’ordine, ma solo un grande caos».


https://www.asterios.it/catalogo/febbre-dal-passato-trieste-1972